Questo è quanto ha scritto oggi l’Assessore Marchini

Questo è quanto ha scritto oggi l’Assessore Marchini

Celestino Marchini

Oggi vorrei raccontare come siamo arrivati alla delibera di Giunta Comunale n. 257 del 06/10/2015 inerente l’istituzione della sosta gratuita negli stalli blu a pagamento ai veicoli provvisti di valido contrassegno per disabili.
Ero diventato assessore da pochi mesi, quando all’inizio del 2015 mi telefonò una signora disabile che mi chiese se era possibile far parcheggiare i disabili negli stalli blu, comne succedeva in altre città. Mi spiegò tutte le motivazione in merito e alla fine gli dissi che mi sarei interessato alla questione. Ne parlai con gli assessori Pierotti e Vietina che mi dissero che avevano affrontato la questione con le associazioni che rappresentavano i disabili. Sucessivamente iniziai a documentarmi sulla questione e mi confrontai con le associazioni e con gli uffici promettendo che entro la fine di settembre avrei proposto alla Giunta la delibera in merito. Successivamente altri cittadini disabili mi hanno telefonato o sono venuti da me per parlarmi della questione e anche a loro ho detto che la delibera sarebbe stata fatta a settembre come promesso precedentemente alle associazioni. A settembre, predisposta la delibera, ho chiesto agli uffici di farla firmare al Sindaco per mantenere la promessa fatta dal momento che nell’ultima decade del mese sono andato a fare il mio solito viaggio in Africa. Tengo solo a sottolineare che dal 1989, anno in cui esce la prima legge sull’abbattimento delle barriere architettoniche, solo da un anno si è scatenata una campagna mediatica sulla disabilità, mi chiedo dove erano alcuni fautori di questa campagna, o forse, come succede spesso in questo paese, quando qualcuno cerca di “fare” da noia e certa stampa, per fortuna non tutta, ci si butta dentro? Perché si sa che chi fa spesso calpesta qualche orticello. Comunque questa è la semplicissima storia di una delibera degna di ogni paese civile.

Questo invece è il mio commento

Vorrei iniziare questo commento facendo vedere sia a lei che a tutti i suoi amici e/o sostenitori che io, al contrario di lei, le rispondo.
La mia battaglia è iniziata attraverso un esposto inviato all’Assessore all’urbanistica, al Sindaco, al Comandan
te della Polizia Municipale e all’Ufficio Giunta Comunale e, per conoscenza, al Prefetto di Lucca, in data 30 marzo 2015. In esso dichiaravo ai suddetti che la sosta negli stalli blu non era consentita gratuitamente a coloro che esponevano il contrassegno. Non avendo ricevuto nessuna risposta, ho iniziato da solo la mia battaglia con una petizione popolare in data 9 maggio 2015. In essa richiedevo che il Comune:
1) rilasciasse la delibera grazie alla quale sarebbe stato possibile parcheggiare negli stalli blu gratuitamente;
2) eliminasse le varie barriere architettoniche presenti nel parcheggio di Viale Castracani e che portasse a norma di legge gli stalli per disabili già esistenti, visto che, tutt’oggi, questi continuano ad essere più piccoli del dovuto;
3) abbattesse le barriere architettoniche lungo tutto il perimetro della circonvallazione in corrispondenza degli attraversamenti pedonali.
La petizione è terminata il 28 giugno 2015, ed ha raggiunto dieci volte tanto il numero delle firme necessarie e le ho protocollate in data 30 giugno 2015. Anche a questa mia petizione non ho ricevuto alcuna risposta.
Tengo a sottolineare per prima cosa che ho iniziato questa battaglia dopo marzo solo perché pensavo che l’associazione in cui ancora oggi sono tesserato, provvedesse ad eliminare questi “scogli” e che comunque queste problematiche fossero all’ordine del giorno, ma mi sono accorto che purtroppo non è così. Come seconda cosa tengo a dire e soprattutto a farle capire che anche per quanto riguarda la questione delle barriere architettoniche presenti all’apertura della nuova rotatoria di Porta Elisa sono ricorso all’aiuto di media come La Nazione ed Il Tirreno per denunciare il fatto che, pur avendo discusso con lei di queste problematiche alcuni giorni prima dell’apertura, esse erano comunque presenti.
Tornando alla delibera, visto che ne ha parlato con gli assessori Pierotti e Vietina, vorrei precisare che sono andato a scaricare nel sito del Comune la delibera fatta il 6 ottobre 2015 ma ho riscontrato che né lei né i due assessori da lei menzionati hanno partecipato alla stesura di essa.
Quindi ora mi chiedo, è giusto che lei scriva queste cose su un social network pubblico, dove chiunque può leggere e commentare, prendendosene, per come dire, i meriti, quando nè lei in primis, né entrambi gli assessori da lei citati eravate presenti quando la delibera è stata stesa e firmata? Senz’altro non è mio il merito di questa delibera, ma è unicamente attribuibile alla disabile a cui si riferisce nel post, ma è quindi frutto di una coincidenza il fatto che solo dopo la mia petizione con oltre 500 firme, e la mia opera di ‘martellamento’ tutto è andato a buon fine anche se, come ben sa, tante volte mi sono trovato davanti ad un muro invece di una risposta?
La ringrazio per l’attenzione
(in allegato troverà la delibera che ho scaricato)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...